Nessuno può arrogarsi il potere arbitrario di impedire a un essere umano di abitare la Terra, un villaggio, una città per viverci in dignità come cittadino portatore di diritti e di doveri.

In quanto gruppo italiano dell’Associazione Mondiale Agorà degi Abitanti  della Terra – L’audacia nel nome dell’umanità” aderiamo con forza e convinzione al corteo del 22 giugno contro gli sgomberi.

In queste ultimi mesi stiamo assistendo ad una montante ondata reazionaria volta ad escludere dalla vita politica e sociale di questo paese chiunque risulti “incompatibile” con un discorso che fa del razzismo, sessismo, dell’intolleranza e della violenza la cifra politica del proprio agire. Sono sempre di più i soggetti che ogni giorno pagano le conseguenze di intollerabili politiche di esclusione e di ingiustizia sociale: donne, migranti, precari/e, studenti e studentesse e chiunque prova ad opporsi a tali politiche. Impoverimento, sfruttamento e vere proprie intimidazioni autoritarie, (si veda da ultimo la schedatura di massa portata avanti dal Ministero degli Interni nei confronti di magistrati, docenti e attivisti che si oppongono alle politiche razziste e securitarie del Governo), i continui attacchi mediatici contro ONG e associazioni definite “buoniste”, sono la ricetta con cui il Governo pensa di poter gestire una crisi economica e democratica che si fa sempre più profonda.

In questa città, tali politiche reazionarie e di esclusione si traducono concretamente in una lista di immobili – tra spazi sociali e occupazioni abitative – da sgomberare urgentemente. La Lega vuole a tutti i costi conquistare il Campidoglio, e il Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha tutta l’intenzione di iniziare la campagna elettorale attaccando le esperienze di autogestione, i movimenti per il diritto all’abitare e in generale contro qualsiasi forma di attività solidale.

Lo scorso 4 giugno centinaia di persone di sono riunite al Nuovo Cinema Palazzo per organizzare la resistenza della Roma solidale nei confronti della dichiarazione di guerra che giunge dal Governo. Si vuole “normalizzare” la città, soffocare i luoghi del dissenso e gli spazi dove migliaia di uomini e donne si organizzano per rivendicare i propri diritti, dall’accesso allo sport al diritto alla salute e ad avere un tetto sopra la testa, gli spazi femministi e quelli della produzione culturale indipendente ma anche le forme di organizzazione e costruzione di attività inclusive e solidali che si sono sviluppate in questi ultimi mesi nel mondo dell’istruzione (dalle scuole elementari fino all’università) e nelle periferie. Non staremo a guardare mentre presidi di libertà e democrazia vengono chiusi e viene gettata all’aria tutta la ricchezza accumulata, fatta di relazioni sociali, saperi, immobili sottratti all’abbandono e finalmente restituiti alla città.
Sabato 22 giugno ore 16.00 partenza da piazza Vittorio

Blocchi Precari Metropolitani
Coordinamento cittadino Lotta per la casa
SPIN TIME LABS
Acrobax
Nuovo Cinema Palazzo
Strike spa Roma
Asia Usb
Csa Astra
Esc Atelier
Communia
CSOA SPARTACO
Csoa Corto Circuito
CSOA La Strada
Iniziative Csoa La Torre
Associazione Ex Lavanderia
Progetto Degage
Palestra Popolare Quarticciolo
Brancaleone
Coord Romano Acqua Pubblica
La Città dell’Utopia
Lucha y Siesta
Csoa eXSnia
Lab Puzzle – Bene Comune
Noi Restiamo Roma
Centro Popolare San Basilio
Eventi CSOA Forte Prenestino
Atletico San Lorenzo
Casale Garibaldi – common at work
LSA 100celle
Scup Sportculturapopolare
Collettivo Militant
CSOA AURO E MARCO
Magazzini Popolari Casal Bertone
Casale Alba Due
Spazio sociale 100celleaperte
Link Roma
Villaggio Globale

Share →