Potete leggerlo e scaricarlo qui.

INDICE

Le fabbriche della povertà . Sintesi

Introduzione. Poveri si diventa
La demolizione del Patto Sociale del ‘900
I dodici principi dell’illegalità della povertà

PARTE PRIMA
IL PIANETA DEGLI IMPOVERITI

1. Chi sono?
A livello mondiale
A livello europeo
In Italia

2. Perché i poveri? Le fabbriche della povertà
La fabbrica della inevitabilità
La fabbrica dell’ineguaglianza
La fabbrica dell’esclusione e dell’ingiustizia
La fabbrica della predazione della vita

Conclusione della prima parte: lo scempio dell’illegalità

PARTE SECONDA
LE POLITICHE DI RIDUZIONE E DI ELIMINAZIONE DELLA POVERTÀ

1. Il fallimento
La strategia 1974 “Povertà zero al 2000” centrata sull’aiuto
La strategia 1995 “ Dimezzare la povertà assoluta al 2015” centrata sullo sviluppo sostenibile
La strategia della globalizzazione 1974-2012. Il fallimento di una società centrata sulla conquista ed il dominio

2. Il rilancio: la crescita verde come condizione per l’eliminazione della povertà
Il paradigma della crescita verde
“Rio +20” ed il ritorno alla crescita mondiale
La triplice mistificazione: sociale, occupazionale, ambientale

3. Il mondo delle alternative. Le strategie centrate sul reddito, i modi di vita, nuovi sistemi produttivi, le comunità locali
L’asse centrale: reddito e redistribuzione
Le alternative a partire dai modi di vita e dal locale

Conclusione della seconda parte: verso un nuovo furto dell’umanità e del futuro?

PARTE TERZA
DICHIARIAMIO ILLEGALE LA POVERTA. LE PROPOSTE

1. Il grande furto
Chi ha compiuto il furto
Con quali processi

2. I processi di liberazione dell’impoverimento in Italia
Azioni di decostruzione
I percorsi di ricostruzione

3. Le proposte
Mettiamo fuorilegge la finanza predatrice
Diamo forza ad un’economia dei beni comuni
Costruiamo le comunità dei cittadini

4. L’“Obiettivo 2018”

Conclusione. È possibile liberare la società dall’impoverimento.

Lista delle figure
Lista degli interventi
Lista delle abbreviazioni più frequenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Please Do the Math