Difensore dei diritti alla vita del suo popolo e di tutti gli abitanti della Terra, Sergio Rojas, indigeno costaricano è stato assassinato.  Il terrorismo politico governativo in America latina è nuovamente  in espansione, Trump e Bolsonaro imperanti. Vedi di più nel testo di sotto. Propongo di dedicare  la giornata mondiale dell’acqua 2019 alla sua memoria e di tutti coloro che si battono a rischio della loro vita per il diritto all’acqua per tutti, bene comune e bene pubblico. I fomentatori di odio  saranno sconfitti.
Riccardo Petrella , Bruxelles, 21 marzo 2019

La notte del Lunedi 18 marzo è stato assassinato con 15 colpi di pistola il dirigente indigeno costaricano  Sergio Rojas, dopo anni di lotta in difesa del suo popolo e contro l’usurpazione dei loro territori nella zona sud del Paese. Dopo anni di resistenza, di repressione, di persecuzione nei confronti del popolo Bribri di Salitre, negli ultimi anni Sergio è stato incarcerato, minacciato e infine ammazzato. Sergio Rojas è oggi un martire del suo popolo, un martire dei diritti umani, della lotta dei popoli indigeni per la loro terra, un martire della lotta ambientale. Condanniamo questo brutale assassinio e  chiediamo giustizia per Sergio e il suo popolo. Esigiamo nell’immediato il chiarimento di questo crimine di odio e il cessare immediato degli attacchi e le invasioni dei territori  indigeni di tutta la Nazione e nello specifico quelli del paese di Salitre. Chiediamo che il Governo della Repubblica garantisca la sicurezza e la integrità

No all’impunità! Si alla Vita!

Messaggio originale, giunto dal Costa Rica dai seguenti Enti:

Associazione Regionale Centroamericana per l’Acqua e l’Ambiente (ARCA) e

Rete Centroamericana per l’Acqua e l’Ambiente-Costarica (FANCA-CR)

 

Tagged with →  
Share →