Il Barbaro continua le sue scorribande, ma prima o poi cadrà nella polvere, come il Caimano ed il Bullo di Firenze. Cosa possiamo aspettare dalla campagna il “Giudizio universale”?

Il DL sulla sicurezza bis ci ha insegnato, ancora una volta, che:
a) il Barbaro imperante se ne infischia della democrazia rappresentativa. Certo non è il solo, né il primo al vertice del potere a dimostrarlo nel corso degli ultimi 20 anni. Il Caimano ed il Bullo di Firenze hanno abusato con forza del ricorso a decreti leggi con voto di fiducia per imporre la loro prepotenza, con l’esplicita volontà di escludere il parlamento dal potere di legiferare;
b) gli alleati/nemici del Barbaro, anche se solo un quinto dei senatori M5S era favorevole al DL, hanno votato SI in massa (la quasi totalità, salvo 5). Perché? Hanno preferito “salvare il governo” (cioè il loro seggio ) – il quale sarebbe caduto in caso di rigetto del DL –  anziché salvare la loro dignità e quella degli elettori che li hanno eletti;
c) in linea con le tendenze sovversive della democrazia in atto, in seno al sistema politico attuale, il Barbaro usa le ammende pecuniarie, non solo per intimidire ma anche stroncare le gambe ai cittadini che ancora osassero partecipare a manifestazioni pubbliche in difesa dei diritti, della giustizia sociale e della giustizia ambientale, trasformate in guerriglia da sobillatori operanti in combutta con le forze dell’ordine loansly loans with guarantor.


La barbaria usa la violenza in maniera molto forte. Ma, prima o poi cade nella polvere. La giustizia ha la vita più lunga. Sono convinto che un buon contributo in questa direzione  sarà dato dalla campagna “Giudizio Universale” che sarà lanciata l’8 agosto anche in Italia in difesa dei cittadini  e destinata a segnare un cambiamento concreto nel rapporto tra libertà e autorità e tra la democrazia, la legittimità dei poteri e la responsabilità politica verso le attuali e le future generazioni. 

Riccardo Petrella, 6 agosto 2019, 74° anniversario dell bomba atomica su Hiroshima e Nagasaki.

Immagine in evidenza presa dalla pagine Facebook ufficiale dell’evento.

Tagged with →  
Share →