SAVE THE DATE, 10 MARZO 2018 A ROMA.

Sabato 10 marzo alle ore 15 a Roma si svolgerà la conferenza pubblica «Dalla dichiarazione di principio (Onu 2010) alla concretizzazione del diritto all’acqua», in occasione del lancio del MUSEO-LABORATORIO SUL DIRITTO ALL’ACQUA (MUS -LAB R2W) presso la sede dell’Associazione Italiana dei Maestri cattolici in via Clivo di Monte del Gallo, 48, 00165 Roma.

Il MUS-LAB R2W è un’iniziativa presa da un gruppo di persone attive da anni in favore dell’acqua bene comune e del diritto all’acqua (50 litri minimo al giorno per persona), il cui costo deve essere preso a carico della collettività attraverso la fiscalità, com’è il caso per le spese militari nel nostro Paese.

Il programma della conferenza è strutturato in due momenti:

il primo, consisterà in brevi interventi da parte dei fondatori del MUS-LAB R2W su:

  • Il diritto all’acqua oggi. Un disastro inaccettabile.
  • L’acqua per la vita nel 2050. Uno scenario da impedire.
  • Il ruolo dei cittadini e delle istituzioni democratiche elette e autorganizzate.

Saranno presentati dati aggiornati sul diritto all’acqua, scenari e sfide.

il secondo, sarà l’occasione per un dialogo con e tra i partecipanti su esperienze in corso, prospettive e cooperazione.

Per motivi organizzativi, chiediamo a chi intende partecipare di segnalare la partecipazione inviando una e-mail d’interesse al seguente indirizzo:

andreagiacomominichini@gmail.com

Grazie per il vostro interesse.

Per il Gruppo dei fondatori

Riccardo Petrella      Curzio Maltese

 

In allegato . Breve presentazione del Museo-Laboratorio sul Diritto all’acqua.

Allegato 1.

MUSEO LABORATORIO

SUL 

DIRITTO UNIVERSALE 

ALL’ACQUA

Mus-Lab R2W

 

Roma, 22 gennaio 2018

IL MUS- LAB SUL DIRITTO UNIVERSALE ALL’ACQUA

IN BREVE

La creazione del MUS-LAB R2W risponde all’esigenza di contribuire al perseguimento della concretizzazione universale del diritto all’acqua, obiettivo su cui sono già impegnate numerose organizzazioni ed associazioni nel mondo.

il MUS-LAB vuole essere uno spazio sociale partecipato di ricercatori, organismi della società civile e istituzioni pubbliche, aperto a tutti coloro che sono impegnati in difesa dei diritti umani. A tal fine si è dato tre funzioni:

  • una funzione di sensibilizzazione e coscientizzazione
  • una funzione di veglia, analisi, e dibattito
  • una funzione di proposizione e mobilitazione.

I destinatari principali dei lavori del MUS-LAB sono

  • il mondo dell’educazione e dei giovani
  • le popolazioni impoverite ed escluse
  • i media
  • i poteri pubblici, in particolare le collettività locali.

Le attività porteranno su quattro campi d’azione principali:

  • ricerca, veglia, documentazione/informazione: produzione e diffusione del Rapporto Mondiale Permanente sul Diritto all’Acqua ( RAMPEDRE), multilingue, online (già esistente ad opera dello IERPE); collezione e/o produzione/diffusione di video documentari sugli aspetti più salienti e critici del diritto all’acqua; costituzione di dossiers (di allerta) per tematiche, paesi e aree continentali;
  • memoria e biblioteca aperta : esposizione permanente sulle lotte per il diritto all’acqua; esposizioni ad hoc in luoghi diversi dalla sede centrale del MUS-LAB in collaborazione con le aziende pubbliche dell’acqua; monografie storiche sull’acqua e sulle lotte per l’acqua; collaborazione con altre biblioteche municipali e centri culturali
  • educazione: sessioni sull’acqua nel quadro dell’Università del Bene Comune

(a Sezano/VR) e in collaborazione con l’Université du Bien Commun a Parigi e la Catedra Libre del Agua , Università di Rosario/Arg….

  • agora, mobilitazione: giornate di studio, seminari , conferenze, incontri di dibattito; proposte di iniziative cittadine e legislative in difesa e promozione del diritto all’acqua.

 

Il MUS-LAB è stato concepito e promosso da un piccolo gruppo di persone da anni attive nel campo dell’acqua a diversi titoli: in particolare Valter Bonan, assessore ai beni comuni del Comune di Feltre; Roberto Louvin, professore di diritto publico (Università della Calabria, ex-presidente della Regione della Valle d’Aosta); Curzio Maltese (giornalista, eurodeputato); Maurizio Montalto, avvocato, ex-presidente dell’azienda pubblica ABC di Napoli; Riccardo Petrella, promotore del Comitato Internazionale per il Contratto Mondiale dell’Acqua e ex-presidente dell’AQP di Bari; Margherita Romanelli, ricercatrice, progetto “Cambiamo il mondo. Goccia a goccia”.

Tagged with →  
Share →